MENU

Il Piano strategico metropolitano

Il piano strategico triennale del territorio metropolitano, atto di indirizzo per l’ente e per l’esercizio delle funzioni dei comuni e delle unioni di comuni, è una delle funzioni fondamentali assegnate alle Città metropolitane dalla legge 56/2014 (legge Delrio).

Lo Statuto della Città metropolitana di Roma Capitale norma la materia all’art.7 e, con l’approvazione del Documento preliminare del Piano strategico avvenuta con il DSM n. 99 del 1° settembre 2020, è stata definita una scelta di governance metropolitana improntata alla convergenza tra opportunità, obiettivi, strumenti, finanziamenti.

Al centro delle operazioni di pianificazione e programmazione sono stati scelti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU e la Strategia nazionale per lo Sviluppo Sostenibile, mobilitando due dimensioni del capitale metropolitano per l’implementazione dei progetti di pianificazione strategica: la dimensione naturale (dotazioni e stock) e quella relazionale (connessioni e flussi).

Nel piano confluiscono più livelli d’azione, a partire dall’elaborazione di dati e statistiche che rendano evidenti potenzialità e criticità, intersecando tutti gli elementi che compongono la realtà metropolitana e la lettura delle sue diverse “velocità”: una vera e propria carta d’identità, sempre più ricca, come definiamo l’area dedicata alla raccolta dei documenti prodotti.

Il processo partecipativo, avviato già nel 2019 contemporaneamente alla partecipazione per la definizione delle strategie ed obiettivi per il PUMS, ha coinvolto fra i mesi di maggio e luglio 2021 tutti i livelli amministrativi competenti per la programmazione e l’assegnazione delle risorse pubbliche, compresi i referenti ministeriali e della Regione Lazio, nonché gli stakeholder del territorio metropolitano. Insieme sono stati individuati e discussi gli obiettivi da raggiungere e le azioni da compiere sul territorio, secondo le quattro priorità tematiche: cultura, identità e innovazione; rivoluzione verde e transizione ecologica; clima, energia e mobilità sostenibile; trasformazione digitale e governance.

Le finalità che persegue il PSM della Città metropolitana sono tutte incentrate sullo sviluppo strategico del territorio, che va perseguito promuovendo una strategia attenta alla dimensione locale, consapevole del contributo delle Città allo sviluppo del Paese e aperta alla dimensione sovranazionale.

La Città metropolitana di Roma Capitale interpreta questo ruolo ponendosi come infrastruttura di supporto per lo sviluppo di breve, di medio e di lungo periodo del territorio metropolitano cercando di cogliere e dare senso al suo mutamento e di presentare una visione del suo sviluppo futuro.