MENU

Concessioni palestre

La Città metropolitana di Roma Capitale favorisce ed incoraggia la pratica sportiva dalla prima infanzia alla terza età attraverso l’incremento sul territorio della qualità e della quantità dei servizi sportivi.

L’Ufficio Concessione palestre (UC Risorse strumentali, logistica e gestione ordinaria del Patrimonio) cura le concessioni delle palestre secondo quanto disposto dal nuovo “Regolamento per la concessione in uso e la valorizzazione degli impianti sportivi annessi agli Istituti Scolastici di pertinenza metropolitana” (deliberazione n. 45 del 15/06/2016).

Avviso-Pubblico-6.2020-Differimento-validità-graduatoria

DD_4111_2020_Differimento Validita_graduatoria

In allegato tutta la documentazione inerente le procedure di concessione:

INDICAZIONI GENERALI PER LA STIPULA DELLE CONCESSIONI PALESTRE

L’Amministrazione procederà all’affidamento in concessione provvisoria delle palestre mediante l’attribuzione degli spazi secondo l’ordine della graduatoria definitiva. Successivamente il Rappresentante legale dell’associazione aggiudicataria sarà invitato a sottoscrivere una richiesta di concessione provvisoria dal referente dell’Ufficio competente. In caso di rifiuto o di mancata risposta all’invito l’aggiudicatario si intenderà rinunciatario e l’affidamento sarà concesso all’associazione di seguito in graduatoria.

Riferimenti per informazioni – Ufficio Concessioni Palestre:

Posizione organizzativa: Sig.ra Alessandra Antelmi – e-mail a.antelmi@cittametropolitanaroma.it – tel. 0667668516.

Tutti i Rappresentanti Legali che hanno ricevuto la concessione provvisoria saranno tenuti a sottoscrivere tempestivamente in forma digitale la concessione definitiva -o in casi eccezionali adeguatamente motivati dai Rappresentanti recarsi personalmente presso gli uffici di Viale Giorgio Ribotta 41/43 al 10° piano al fine della stipula- I Rappresentanti Legali dovranno recarsi a firmare la concessione solo dopo aver inviato i progetti sportivi e organizzativi per e-mail all’ufficio competente e devono presentarsi, obbligatoriamente in concomitanza con la stipula dell’atto di concessione provvisti di:

1. copia del contratto di assicurazione (infortuni e responsabilità civile) nominativo, completo di scadenza e massimali;

2. certificato annuale di regolare iscrizione al Registro Nazionale delle Associazioni e Società sportive dilettantistiche tenuto dal CONI o al Comitato Italiano Paralimpico, se scaduto quello presentato in sede di bando;

3. nominativo degli istruttori sportivi impiegati nella palestra;

4. Organico degli istruttori; 4. nominativo degli atleti tesserati:

5. nominativo degli addetti alla custodia ed alla pulizia dell’impianto sportivo avuto in concessione;

6. copia del versamento della cauzione, pari a Euro 300.00 (trecento/00), effettuato nelle casse dell’Istituto scolastico;

L’assenza anche di un solo documento richiesto precluderà il rilascio della concessione.

L’assegnazione dei giorni e delle ore di utilizzo sarà determinata in modo da assegnare al soggetto primo classificato il numero dei giorni e delle ore richieste, fatta salva la riserva delle ore (massimo n. 4

settimanali per palestra) da assegnare ai soggetti che hanno presentato il progetto per diversamente abili, di cui all’art. 6 Criterio n. 6 dell’Avviso 1/2018. Le associazioni sportive che partecipano al bando potranno ottenere fino ad un massimo di n. 36 (trentasei) ore settimanali complessive e non più di n. 12 (dodici) per ciascuna palestra. Da tale computo sono escluse le ore dedicate alle partite di campionato delle Federazioni, degli Enti di promozione sportiva e del Comitato Italiano Paralimpico, che si svolgeranno nei giorni di sabato e domenica. La concessione in uso dell’impianto, dal lunedì al venerdì, dovrà essere programmata per l’intero triennio e avrà durata annuale corrispondente all’anno scolastico.

La concessione in uso dell’impianto, per le giornate del sabato e della domenica, avrà durata annuale e sarà rilasciata, secondo l’ordine di graduatoria, prioritariamente per le gare di campionato. La concessione darà diritto ad esercitare, negli orari di utilizzo delle palestre, esclusivamente le attività sportive indicate nel progetto presentato in sede di domanda. Tutte le ore saranno assegnate senza interruzione e in modo da consentire l’utilizzo delle palestre al maggior numero possibile di associazioni sportive. Qualora dovesse esserci l’esigenza di non utilizzare gli orari di apertura e chiusura della palestra e/o tra un’associazione e l’altra questo lasso di tempo non può essere inferiore all’1h e 30 m. Gli importi sono calcolati per l’intero periodo di concessione senza tenere conto dei giorni e/o dei periodi di chiusura della scuola. Al fine dell’assegnazione degli spazi resi disponibili dagli Istituti Scolastici nei giorni di sabato e domenica, le associazioni che intendono usufruire dell’impianto dovranno farne richiesta entro e non oltre il 30 settembre di ogni anno. In caso di mancata comunicazione entro il suddetto termine, i soggetti richiedenti perderanno il diritto di prelazione acquisito in base all’ordine di graduatoria. Le ore di assegnazione per le gare di campionato saranno concesse dietro presentazione dei calendari ed in funzione del numero dei campionati cui il richiedente partecipa. La concessione, per ogni partita di campionato e/o manifestazione svolta nelle giornate di sabato o domenica, non potrà avere una durata inferiore a 2 h. Tutte le spese di bollo, o altri oneri fiscali connessi all’atto di concessione sono a carico del concessionario. Assolte le richieste delle associazioni presenti nella graduatoria metropolitana e stipulate le eventuali concessioni a scomputo, la Città metropolitana di Roma Capitale, nella persona del Dirigente del Servizio competente, potrà procedere ad assegnare annualmente le fasce orarie rimaste ancora libere. Tale ulteriore assegnazione potrà essere effettuata in via prioritaria alle associazioni, presenti in graduatoria, che ne facciano espressa richiesta scritta fino ad un massimo di 18 ore per palestra, in via subordinata alle associazioni, anche se non inserite nella graduatoria suddetta, che presentino la documentazione prevista all’art. 4 comma 2 dell’ Avviso n.1/2018 nonché alla luce delle caratteristiche presentate nei progetti sportivi e organizzativi-logistici di cui all’art. 4 comma 3.1 e 3.2. E’ espressamente vietato l’utilizzo, non preventivamente autorizzato degli impianti, senza aver sottoscritto l’atto di concessione e il relativo Disciplinare di cui all’articolo 7 comma 2 e 3, pena l’automatica ed immediata decadenza dalla graduatoria metropolitana per grave inadempimento. Qualunque forma di utilizzo non autorizzato degli impianti comporterà altresì la revoca di tutte le concessioni in essere con la Città metropolitana, per tutte le associazioni coinvolte, nonché l’obbligo di corrispondere, per ogni giorno di utilizzo non autorizzato, una somma pari al triplo del canone di concessione previsto per le palestre di categoria “A”, per l’intera giornata (12 ore) indipendentemente dalle ore effettuate. Costituiscono motivo di decadenza dalla graduatoria, oltre le violazioni gravi, le comprovate e reiterate violazione degli obblighi a carico del concessionario e di quanto prescritto nel presente Avviso, nel Regolamento metropolitano e nel Disciplinare di concessione a firma delle parti contraenti. Alla decadenza dalla graduatoria metropolitana e alla revoca della concessione in uso degli impianti si provvede con atto del Dirigente del Servizio competente. La decadenza dalla graduatoria metropolitana, per gravi e reiterati motivi, preclude all’associazione la partecipazione ai bandi di gara emanati dalla Città metropolitana di Roma Capitale.